Seleziona una pagina

La Standing Committee On Public Health (SCOPH) è l’area tematica il cui scopo ultimo è far sì che la popolazione tutta conduca una vita all’insegna della Salute, quest’ultima intesa come “uno stato di benessere fisico, mentale e sociale e non semplice assenza di malattia o infermità”. [Alma Ata, URSS, 6-12 settembre 1978]

Nel perseguimento di questa visione ideale, migliaia di studenti in Medicina collaborano su più livelli (locale, nazionale, internazionale) al fine di divenire qualificati portavoce di messaggi di educazione alla Salute.

Gli argomenti di cui ci si fa portavoce sono tutti legati alla promozione di stili di vita sani (adeguate abitudini alimentari, attività fisica, interazioni sociali, ecc.) ed alla solidarietà sociale in ambito sanitario (in cui rientra il pregnante capitolo delle donazioni di sangue ed emoderivati, midollo osseo, organi, tessuti e cellule). Il percorso che porta alla sensibilizzazione della popolazione prevede un’essenziale fase di autoformazione – senza la quale risulterebbe vano qualsiasi tentativo di promozione della Salute –, per poi passare ad una fase di confronto con altri soci – fase molto utile in termini di crescita ed arricchimento associativi, nonché personali –; la fase che precede quella di sensibilizzazione è costituita dalla progettazione e realizzazione della campagna tematica, sia essa fatta sui social network oppure in piazza, all’interno dell’Ateneo di appartenenza o, ancora, internamente alla Sede Locale di appartenenza.

Argomento di notevole interesse di cui il SISM si fa promotore è la ferma opposizione a qualsiasi forma di Conflitto di Interessi nella Pratica Medica, ovvero a quell’insieme di condizioni per cui un giudizio professionale concernente un interesse primario tende ad essere indebitamente influenzato da un interesse secondario. Riteniamo imprescindibile che il medico, nell’esercizio della sua professione, prenda decisioni in modo indipendente senza alcun coinvolgimento di alcuna natura (in piena conformità con l’articolo 4 del Codice di Deontologia Medica): risulta, pertanto, necessario prendere le distanze da ogni forma di compromissione della libertà decisionale del medico.

Per informazioni contattare lpo@parma.sism.org